Miniere e minerali

Muravera e in generale tutto il Sarrabus, ha una storia mineraria importante. L’argento italiano fino al 1930 era tutto Sarrabese.

Argento nativo in filamenti: rarissimo. Oggi restano le testimonianze di quell’epoca :  gli accessi alle miniere, edifici, laverie, le polveriere, un villaggio minerario in abbandono, il museo minerario. Andiamo a visitarle in passeggiata.

I percorsi e le passeggiate che si possono fare sono diverse:

A Muravera:

Miniere d’argento a Baccu Arrodas (sentiero 201)

polveriera dei minatori

All'ingresso della miniera
All’ingresso della miniera

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

A San Vito

Miniere d’argento a San Vito e Burcei

Miniere d’argento a Monte Narba

A Villaputzu

Miniere antimonio a Baccu Locci

La via dell’argento

 

Domus de Janas, nuraghi, tombe dei giganti

E’ possibile visitare i siti archeologici di Muravera, facciamo una passeggiata salutare nei nostri boschi e osserviamo le testimonianze del passato.

Nel Sarrabus ci sono nuraghi, tombe dei giganti, domus de Janas, circoli di menhir. Certe strutture sono state realizzate 1500 anni prima della nascita di Cristo, ma sono ancora in piedi.

Non è facile trovarle….. ma si può essere accompagnati.

Escursione al Faro di Capo Ferrato

farocapoferratoE’ possibile visitare il promontorio di Capo Ferrato per osservare il panorama  che si estende da Porto Corallo a Cala Sinzias e le spiagge granitiche e basaltiche . Sono disponibili diversi percorsi: uno  adatto a tutti ( famiglia e bambini), uno facile escursionistico e uno un po più complesso che porta alla torre spagnola sulla vetta del vulcano di Monte Ferru.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAI sentieri sono tracciati con colori rossi e bianchi e con i numeri 401 e 402. E’ presente la cartellonistica.P1050706 P1050709 P1050710 P1050716 faro di gabri

 

tracce gpx e kml

In questa pagina trovi i link per poter scaricare i file da utilizzare nel gps Garmin o nel tuo smartphone per poterti orientare nelle tue escursioni nel Sarrabus, in Ogliastra e nell’Iglesiente.

Le più note: Cala Goloritzè, Cala Mariolu, Cala Sisine, Punta Giradili, Perda Longa, Cala Biriola, Gorroppu, Tiscali.

Link per scaricare: http://it.wikiloc.com/wikiloc/spatialArtifacts.do?event=search

oppure vai sul sito www.wikiloc.com e successivamente inserisci il nome del percorso che ti occorre. Se servono consigli, chiarimenti o informazioni manda un commento.

Una manta a Colostrai

Non sapevo che in Sardegna ci fossero le mante e tanto meno che frequentassero il Posidonieto del S.I.C. di Colostrai. Erano tre: sembrava che due maschi corteggiassero la femmina. La inseguivano e lei dava spettacolo con bellissime evoluzioni in acqua.

Itinerario dei Sette Fratelli

Gli itinerari e i sentieri sono diversi e per tutte le età. Da vedere assolutamente i ruscelli del Rio Maidopis, il vivaio forestale e il museo del cervo rosso gestito dall’Ente Foreste e da cooperative locali. Per una visita più interessante si possono percorrere i sentieri C.A.I. e arrivare a Baccu Malu dove si possono incontrare mufloni e cervi. Durante il percorso si possono passare in rassegna molte delle specie vegetali sarde. Si consiglia di contattare una guida per i percorsi più difficili.